CONGEDO PARENTALE COVID per genitori lavoratori autonomi

da incaer.it

Con il messaggio n° 327 del 21 gennaio, l’Inps comunica il rilascio della procedura per la presentazione delle domande di congedo SARS CoV-2 per i genitori lavoratori autonomi e per gli iscritti in via esclusiva alla Gestione separata. 

Ricordiamo che i destinatari di questo beneficio riguardano coloro che hanno figli contagiati, in quarantena da contatto o con attività didattica o educativa in presenza sospesa o con centri diurni assistenziali chiusi.

Con un precedente messaggio (n. 74/2022), l’Inps aveva comunicato la proroga al 31 marzo 2022 del termine per la fruizione del “Congedo parentale SARS CoV-2”, disposta dal citato articolo 17 del decreto-legge n. 221/2021.

Per i periodi di astensione fruiti è riconosciuta un’indennità pari al 50% della retribuzione o del reddito a seconda della categoria lavorativa di appartenenza del genitore richiedente il congedo e i periodi sono coperti da contribuzione figurativa.

Per presentare la domanda di “Congedo parentale SARS CoV-2”, anche per figli con disabilità in situazione di gravità, per il quali non sussiste il limite di età di 14 anni, ci si può rivolgere ad una delle sedi Inca territoriali. 

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.