ASSEGNO UNICO: alcuni chiarimenti da INPS

da incaer.it

Per  il  2022,  la domanda di Assegno unico universale per i figli a carico può  essere effettuata entro  giugno  2022,  con  il riconoscimento di tutti gli arretrati da  marzo. Lo comunica l’Inps in una nota pubblicata oggi sul sito istituzionale, riferendo che ad oggi  le  richieste inoltrate  sono 1.123.348  per  1.854.865  figli  a  carico. 

Nella stessa nota, l’Istituto ricorda che per  ricevere l’assegno è necessario  che: 

–  il  titolare  del  conto  corrente  identificato  dal  codice  IBAN  specificato nella  domanda sia  il  richiedente  dell’assegno  unico.  L’INPS  non  potrà accreditare l’assegno  sul  conto corrente  di  una persona differente da  chi  presenta la  domanda.  È  possibile  comunque chiedere  l’accredito dell’assegno  unico  su  un  conto  corrente  cointestato  al  beneficiario che ha  presentato  la  domanda.  Non  è  sufficiente  essere delegati  alla  riscossione. 

–  il  codice  fiscale  del  richiedente  sia  esattamente  corrispondente  a quello  che  risulta all’Istituto  di  Credito  come  codice  fiscale del  titolare  del  conto  corrente  su  cui  si  chiede l’accredito.

–  il  conto  corrente  su  cui  si  chiede l’accredito dell’assegno  unico  sia  effettivamente attivo e  correttamente  intestato  (o  cointestato)  al  richiedente  la  prestazione. 

Ricordiamo che per avere la necessaria assistenza ed inoltrare correttamente le domande ci si può rivolgere ai CAAF CGIL e all’INCA. 

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.