Aeroporto: nuovo bando oggi? Non è la soluzione!

CGIL CISL UIL di Forlì, prendono atto che le preoccupazioni da noi espresse già da mesi sull’Aeroporto oggi siano diventate patrimonio anche del Sindaco di Forlì e dell’Assessore Regionale ai Trasporti.

Crediamo sia sbagliato pensare che la soluzione al problema della mancata presentazione di un Piano Industriale sia, oggi, la riapertura di un nuovo bando.

Nell’attesa che entro il 31 ottobre l’Imprenditore realizzi i primi interventi sulla struttura, richiesti da ENAC, CGIL CISL UIL ritengono che la strada da percorrere sia l’immediata chiarezza sul piano industriale, commerciale e occupazionale da parte di Air Romagna e dei suoi soci.

Qualora ciò non si verificasse chiediamo che fin da subito il Sindaco, il Presidente della Fondazione e il Presidente della Camera di Commercio esplorino nel territorio volontà e capacità imprenditoriali che possano subentrare nella compagine societaria per dare “le ali” al progetto.

Infatti per CGIL CISL e UIL è il momento che il territorio non solo a parole ma con fatti concreti dimostri di volere un aeroporto.

Tutti sapevano fin da giugno che il manager Sandro Gasparrini si era nei fatti disimpegnato, come tutti sanno che riaprire nei prossimi mesi un nuovo bando significherebbe rimandare il problema alle calende greche.

E’ per queste ragioni che è arrivato il momento che l’Imprenditore Robert Halcombe sia messo alle strette e se esiste una classe imprenditoriale degna di questo nome è giunto il momento di dimostrarlo.

Tutti in questi 17 mesi si sono ritagliati le prime pagine dei giornali locali incontrando a più riprese Robert Halcombe, ma nessuno si è preoccupato di capire realmente chi fosse questo imprenditore e che interesse concreto avesse nel nostro aeroporto.

CGIL CISL e UIL chiedono con forza a tutti gli attori del territorio, Sindaco di Forlì, Presidente Fondazione, Presidente Camera di Commercio e imprenditori, di costruire una proposta concreta, per poter sfidare Robert Halcombe e per poter dare dignità e futuro al nostro territorio e al nostro aeroporto.

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.