Sospensione pagamento rate mutuo

Il decreto del Ministero dell’Economia e Finanze del 25 marzo 2020 pubblicato in G.U. N°82 del 28 marzo 2020 ha attuato le norme di sospensione del pagamento delle rate del mutuo per l’acquisto della prima casa per un periodo massimo di 18 mesi per i lavoratori dipendenti, autonomi e liberi professionisti previsto dall’art. 54 del Decreto Cura-Italia.

CHI PUO’ FARE DOMANDA

  1. Lavoratori dipendenti che hanno avuto una sospensione del lavoro per almeno 30 giorni lavorativi consecutivi a causa dell’emergenza COVID-19;
  2. Lavoratori dipendenti che hanno avuto una riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni lavorativi consecutivi, corrispondente ad una riduzione almeno pari al 20% dell’orario complessivo a causa dell’emergenza COVID-19;
  3. Lavoratori autonomi e liberi professionisti che autocertifichino di aver registrato, nel trimestre successivo al 21 febbraio 2020e precedente la domanda ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra il 21 febbraio 2020 e la data della domanda qualora non sia trascorso un trimestre, un calo del proprio fatturato medio giornaliero nel suddetto periodo superiore al 33% del fatturato medio giornaliero dell’ultimo trimestre 2019, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus.

 

DURATA MASSIMA SOSPENSIONE

  1. La sospensione del pagamento delle rate del mutuo è di: >6 mesi se la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro è compresa tra 30 e150 giorni lavorativi consecutivi; >12 mesi se la sospensione la riduzione dell’orario di lavoro è compresa tra 151 e302 giorni lavorativi consecutivi; >18 mesi se la sospensione la riduzione dell’orario di lavoro è superiore a 303 giorni lavorativi consecutivi;
  2. Fermo restando la durata massima complessiva di 18 mesi, la sospensione può essere reiterata, anche per periodi non continuativi, entro i limiti della dotazione del Fondo.

 

MODALITA’ PRESENTAZIONE DOMANDA

  1. Le domande di sospensione vanno presentate alla banca che ha erogato il mutuo su apposito modulo reperibile a questo link:  http://www.mef.gov.it/inevidenza/Pubblicato-il-nuovo-modulo-per-accedere-al-Fondo-per-la-sospensione-dei-mutui-sulla-prima-casa/ allegando copia del provvedimento amministrativo di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito, o la richiesta del datore di lavoro di ammissione al trattamento di sostegno del reddito, o la dichiarazione del datore di lavoro, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, che attesti la sospensione e/o riduzione dell’orario di lavoro per cause non riconducibili a responsabilità del lavoratore, con l’indicazione del periodo di sospensione e della percentuale di riduzione dell’orario di lavoro;
  2. Non è richiesta la presentazione dell’ISEE.

 

Per informazioni       telefonare a FEDERCONSUMATORI o SUNIA

allo 0543.453327 – 3482325604

dal lunedì al giovedì

dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.00 alle ore 18.30

venerdì                       dalle ore 9.00 alle ore 12.30

sabato                        dalle ore 9.00 alle ore 12.00

 

oppure inviare una email a: info@federconsumatorifc.it

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.