Prosegue la rassegna letteraria-cinematografica

Dopo l’iniziativa di sabato 10 Ottobre presso la Camera del Lavoro di Forlì, prosegue la rassegna cinematografica-letteraria in collaborazione fra le Camere del Lavoro di Forlì e Cesena

A  VOLTE  RITORNANO

Riflessioni, contesti, commenti sull’insorgenza di fenomeni di negazionismo, revanscismo, neofascismo attraverso il cinema e la letteratura

Mercoledì 14 ottobre  pv  Forlimpopoli Sala Cinema Verdi in collaborazione con Anpi Forlimpopoli e con il  Patrocinio del Comune di Forlimpopoli

ore 20.00 –  Presentazione dei libri di Iader Miserocchi  “Mi chiamo Iader Memoria partigiana” e  di Sergio Giammarchi “Una storia partigiana”.  Sarà presente  tra gli altri il partigiano Sergio Giammarchi

ore 21.00 proiezione del Film “Le ciliegie sono mature”. Seguirà commento di Miro Gori Presidente Anpi Forlì-Cesena. 

Nell’occasione sarà ricordata la figura di Luciano Lama di cui ricorre il 99° anniversario della sua nascita.

Martedì 20 ottobre pv   Cesena  Sala Carlo Migliori c/o Cgil via Tito Maccio Plauto 90

Ore 17.00 Presentazione del libro  “Ma perché  siamo ancora fascisti?  Un conto rimasto aperto” di Francesco Filippi.  Sarà presente l’autore

Seguirà aperitivo

Ore 20,30  Proiezione del Film “Novecento” (prima parte) di  Bernardo Bertolucci con commento di  Miro Gori Presidente Anpi e Silla Bucci Segretaria generale Cgil Cesena

 

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.