Marzia Abbonizio – Nuovo Segretario Generale dello SPI CGIL di Forlì

Oggi, venerdì 9 febbraio 2018, l’Assemblea Generale dello SPI CGIL di Forlì ha eletto larghissima maggioranza, Marzia Abbonizio alla carica di Segretario Generale.

Ai lavori dell’Assemblea era presente Bruno Pizzica Segr. Gen. SPI Emilia Romagna, Patrizia Ghiaroni della Segreteria Regionale SPI, Paride Amanti Segr. Gen. CGIL Forlì e Dealma Mengozzi della Segreteria CGIL Forlì.

Marzia Abbonizio, nata a Forlì, succede a Giuseppe Pasotti il quale ha rimesso il mandato in osservanza alle norme regolamentari e statutarie interne dello SPI CGIL.

Marzia Abbonizio milita nel gruppo dirigente della CGIL forlivese dal 1990; ha ricoperto svariati incarichi categoriali, territoriali e confederali.

Dopo aver guidato la FILCAMS e la FLAI di Forlì, entra nel 2015 nella Segreteria Territoriale dello SPI CGIL.

Giuseppe Pasotti, ha svolto per la CGIL diversi incarichi di prioritaria responsabilità e per 8 anni ha ricoperto l’incarico di Segretario Generale dello SPI CGIL Forlì.

Persona riconosciuta per le sue capacità, Giuseppe Pasotti è riuscito, durante il suo mandato, a creare un rinnovato gruppo dirigente e un riconoscimento forte, anche Istituzionale, dello SPI CGIL.

L’Assemblea Generale esprime un grande apprezzamento per tutto il lavoro svolto dal compagno Pasotti ed esprime un grande in bocca al lupo per il prossimo ruolo nell’ambito della Confederazione.

L’Assemblea Generale dello SPI CGIL di Forlì esprime alla compagna Marzia Abbonizio un sincero augurio per il lavoro che l’aspetta al fine di mantenere ed aumentare il riconoscimento dell’Organizzazione sia nel territorio forlivese che in ambito regionale.

Forlì, 09/02/2018

La Segreteria della

Camera del Lavoro Territoriale – CGIL Forlì

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.