#Fridaysforfuture Forlì – la CGIL in piazza per il clima: ora serve un tavolo per ripensare la città , la piazza di oggi merita risposte concrete

La CGIL di Forlì ha creduto nello sciopero delle ragazze e dei ragazzi. Tante le assemblee e i volantinaggi svolti nei luoghi di lavori e di ritrovo delle cittadine e cittadini. Tante le iniziative di sensibilizzazione che assieme a Friday for Future abbiamo costruito e svolto.

Siamo stati presenti al fianco dei giovani. Abbiamo creduto nel messaggio che ci hanno mandato. Un messaggio globale, un movimento globale.

Le ragazze e i ragazzi del movimento Friday For Future hanno aperto gli occhi del mondo sulla vera emergenza, quella climatica; ora spetta agli adulti raccogliere questo messaggio.

Non è sufficiente dire e dirci come siamo stati bravi a manifestare, dobbiamo avere il coraggio di ripensare le nostre città, le nostre priorità, il nostro modello di sviluppo. Anche a Forlì!!!

E’ difficile,ma dobbiamo farlo, per noi e per le future generazioni.

Per questo è necessario aprire subito un tavolo di confronto fra amministrazioni pubbliche e parti sociali, un confronto che deve partire dall’ascolto e dal contributo di tutte le parti, in primis delle associazioni e movimenti che lottano per la giustizia climatica e soprattutto dal mondo della scienza a partire dalla valorizzazione del capitale umano che abbiamo nelle scuole e nelle Università.

Il messaggio che ha lanciato la “settimana per il futuro” non può cadere nel vuoto, chiediamo che siano deliberate anche a Forlì concrete scelte ecologiche sulla mobilità, sulle infrastrutture e sull’ambiente che porterebbero uno sviluppo migliore e più sostenibile per il territorio e un’occupazione che deve essere di qualità.

Chiediamo che siano discussi percorsi formativi a partire dalle scuole e dai luoghi di ritrovo della città.

Chiediamo che siano messi in campo a tutti i livelli strumenti per poter far fronte ad una transizione che non scarichi sui lavoratori i costi sociali di queste scelte e nel contempo determinino la nascita di nuove opportunità occupazionali.

La lotta per la giustizia climatica è innanzitutto una battaglia politica, sociale e culturale perché il riscaldamento globale ha gravi contraccolpi sui diritti umani, sulla giustizia sociale, sull’equità all’interno dei paesi, fra paesi e fra diverse generazioni e sul lavoro.

È una lotta per la partecipazione, la democrazia e la piena occupazione.

È una sfida che ci riguarda , la CGIL c’è. La città non deve restare in silenzio , la piazza di oggi merita risposte concrete.

Segr. Gen. CGIL Forlì – Giorgini Maria
Forlì 27 settembre 2019

Studenti, lavoratori,pensionati UNITI contro i cambiamenti climatici

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.