Rinnovo del contratto interaziendale del settore avicunicolo della nostra provincia per oltre 5000 addetti

Dopo una lunga ed estenuante trattativa, avviatasi nel mese di gennaio 2018, le organizzazioni sindacali Fai – Flai – Uila di Forlì Cesena, assistite dalle RSU della delegazione trattante e Confcooperative Forlì – Cesena, hanno raggiunto una ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto interaziendale del settore avicunicolo della nostra provincia, per oltre 5000 addetti per i prossimi 4 anni (2018-2021).

L’intesa e’ stata possibile grazie al buon andamento del settore e da una consolidata pratica di relazioni sindacali, che ha permesso il rinnovo di un accordo, che ha le sue radici fin dall’inizio degli anni ’80.

I punti qualificanti di questo accordo, che verrà presentato nelle assemblee al giudizio dei lavoratori, nelle prossime settimane, sono i seguenti:

Diritti di informazione preventiva e maggiore ruolo delle rsu/rsa Maggiore controllo su ritmi e carichi di lavoro

Organizzazione del lavoro; Salute e sicurezza;

Appalti e lavoro interinale: in particolare si sono introdotte norme per la trasparenza e l’impegno ad evitarne l’utilizzo;

Mantenimento della garanzia occupazionale anche oltre il periodo di comporto per i lavoratori affetti da malattie di lungo decorso.

Miglioramenti sugli inquadramenti del personale;

Incremento medio del 7,5 % sul salario variabile legato agli obiettivi di qualità, redditività, produttività;

I segretari generali di categoria Fai Cisl (Marinelli Francesco) Flai Cgil (Zani Arturo e Balzani Serena) e Uila Uil (Scarponi Alessandro e Bandini Alessandro) esprimono un giudizio positivo sul risultato raggiunto, con la consapevolezza di avere dato continuità alla rappresentanza di interessi reciproci, per un settore strategico nell’economia della provincia di Forlì – Cesena.

Infatti, i dati del settore, riferiscono di come il peso del settore avicunicolo provinciale si attesti a circa il 25% del livello nazionale, e lo stato di salute del settore è dimostrato dall’aumento dei consumi di carni bianche che negli ultimi cinque anni ha fatto registrare un aumento del 24% (dati Unaitalia) .

Il settore continua a creare valore: 5850 milioni di fatturato nel 2017 in crescita rispetto al 2016, di circa il 7%.

Cesena, 19 Giugno 2018

Le Segreterie

Fai Cisl Romagna Flai Forlì-Cesena Uila Forlì- Cesena

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.