Quale prospettiva per la Fiera e i lavoratori?

In data 30 Aprile 2019 CGIL, CISL e UIL insieme alle categorie di riferimento Filcams, Fisascat e Uiltucs si sono incontrati con Gianluca Bagnara Presidente di Fiera di Forlì Spa e il Comune di Forlì rappresentato dal vice sindaco Montaguti Lubiano per discutere del futuro della Fiera e dei lavoratori ivi occupati a fronte del progetto, che dovrebbe concretizzarsi da luglio 2019, di affitto di ramo d’azienda ad un’impresa costituita con Fiere di Parma Spa.

 

In data 21 maggio 2019 sempre nella sede del Comune di Forlì, si è sottoscritto un  verbale tra le Organizzazioni Sindacali CGIL –CISL –UIL e di categoria, la Fiera di Forlì Spa  e il Comune di Forlì , in cui si è condiviso l’impegno al mantenimento dell’attività fieristica oggi in essere a Forlì e l’impegno alla tutela occupazionale di tutti i lavoratori.

 

Tenuto conto che  il 28 maggio 2019 all’incontro organizzato c/o  CNA di Forlì è stato prospettato dal Presidente di Fiera ,alle Organizzazioni Sindacali di categoria, un esubero del personale in Fiera di Forlì Spa, chiediamo siano urgentemente individuate le risposte nell’ambito del verbale già sottoscritto e degli impegni assunti.

 

Chiediamo quindi che Fiera di Forlì Spa e tutti i suoi soci si attivino urgentemente al fine di garantire tutti i lavoratori ed evitare di scaricare su di loro le responsabilità delle scelte fatte da altri.

                           

CGIL –CISL –UIL Forlì

Giorgini – V. Treossi – E. Imolesi

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.