Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

In ricordo delle vittime innocenti  delle mafie 21 marzo 2017 RIMINI

Anche quest’anno CGIL CISL UIL dell’Emilia Romagna saranno insieme a Libera per celebrare la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.La manifestazione regionale si terrà a Rimini, a partire dalle ore 9.00, con il collegamento alle ore 12.00 con la piazza di Locri, per l’intervento di Don Luigi Ciotti, preceduto dalla lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie.

Le tantissime adesioni fino ad ora pervenute alle nostre strutture confermano che il 21 marzo a Rimini si terrà una grande manifestazione, con una ampia partecipazione di massa di tutti i territori dell’Emilia Romagna.

Sarà, in tutta Italia, una giornata di grande impegno, non solo per ricordare le vittime innocenti della criminalità organizzata, ma per riaffermare i valori della legalità e della giustizia sociale, così duramente colpiti dall’azione delle mafie.

L’avvenuta approvazione da parte del Parlamento, nei giorni scorsi, della legge che istituisce la Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia arricchisce di ulteriori motivazioni questo 21 marzo.

Numerose le iniziative nei territori che in questi giorni si stanno svolgendo (“100 passi verso il 21 marzo”), promosse da Libera, che hanno avuto il pieno sostegno di Cgil, Cisl e Uil.

CGIL CISL UIL EMILIA ROMAGNA

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.