Cgil, Cisl, Uil e Cnel, 8 marzo iniziativa web ‘Il secondo Alfabeto delle Donne’

 “Il secondo Alfabeto delle Donne, battaglia da combattere anche con le parole”, sarà questo lo slogan dell’iniziativa web organizzata da Cgil,Cisl,Uil, con il contributo del Cnel, lunedì 8 marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, dalle ore 9.30 alle 12.30, in diretta streaming su Collettiva.it e sulle pagine facebook della Cgil nazionale e Collettiva, sul sito della Cisl, sulla pagina Facebook della Uil Nazionale e sul sito www.uil.it.

Aprirà i lavori Tiziano Treu Presidente del Cnel. Seguirà il 1°Panel della giornata: CURA, con l’introduzione di Susanna Camusso, Responsabile Politiche di Genere della Cgil e gli interventi delle delegate sindacali sulle parole doppie: PRIMA LINEA, SCUOLE CHIUSE, AFFETTI A DISTANZA. Concluderà Pier Paolo Bombardieri, Segretario Generale UIL.

Il 2° Panel: LAVORO, sarà introdotto da Daniela Fumarola, Segretaria Confederale della Cisl e vedrà gli interventi sulle parole doppie: OCCUPAZIONE DI QUALITA’, WORKING SMART, RIPARTIRE IN SICUREZZA. Le conclusioni saranno affidate a Maurizio Landini, Segretario Generale della Cgil.

Il 3° Panel: VIOLENZA, sarà introdotto da Ivana Veronese, Segretaria confederale della Uil e verterà su QUESTIONE CULTURALE, DIFFERENZE SALARIALI, VIOLENZA DOMESTICA. Concluderà il panel e l’iniziativa Luigi Sbarra, Segretario Generale Cisl.

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.