Tagli ai Patronati e CAAF: incontro con i parlamentari forlivesi

Questa mattina i Segretari di CGIL CISL UIL Amanti, Treossi, Foschi e il Presidente delle ACLI Ravaioli, hanno incontrato gli Onorevoli Marco Di Maio e Bruno Molea per illustrare le ricadute che i tagli ai Patronati ed ai Caaf, così come previsti nella Legge di Stabilità 2016, comporterebbero sui cittadini forlivesi più bisognosi.

Le OO.SS. e le Acli hanno consegnato ai Parlamentari un documento in cui si evidenzia come i tagli ai Patronati ed ai Caaf, siano un attacco diretto verso i cittadini più deboli e a pagare sarà sempre la povera gente ovvero quello che oggi è gratis, diventerà a pagamento 24 € a prestazione. Senza una riforma delle pensioni e con il taglio ai Patronati e ai Caaf, il sistema sociale è a rischio, non è un risparmio per lo Stato, vengono tolti soldi versati da lavoratori e imprenditori per far pagare prestazioni fino ad ora gratuite.

Questa misura, se confermata, minerebbe la tenuta del sistema del welfare e della coesione sociale.

Per questi motivi è stata avanzata la richiesta ai Deputati di intervenire nell’iter parlamentare, a partire dalle Commissioni, per chiedere modifiche sostanziali ad una norma che se confermata metterà in discussione l’art. 38 della Costituzione.

In tale occasione viene chiesto di sostenere gli eventuali emendamenti che dovessero essere presentati in parlamento, sia in merito alla proposta di rivalutazione delle rendite INAIL, sia per l’inserimento degli studenti nella platea degli assicurati all’INAIL.

I Parlamentari prendendo atto delle nostre richieste, hanno dichiarato la propria disponibilità ad impegnarsi, anche attraverso lo strumento degli emendamenti, per modificare concretamente tale norma.

guarda anche...

CONTRIBUTO IN FAVORE DI GENITORI DISOCCUPATI O MONOREDDITO CON FIGLI DISABILI.

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto un contributo mensile in favore dei genitori disoccupati o monoreddito facenti parte di nuclei familiari monoparentali con figli a carico a cui è stata riconosciuta una disabilità non inferiore al 60%, la cui attuazione era stata demandata alla pubblicazione di un apposito decreto.