PING – PONG, giovedì 27 maggio 2021: “Romagna Futuro ”

Giovedì sera 27 maggio 2021 a partire dalle ore 21.00, le 4 Segreterie Generali delle camere del lavoro – Cgil della Romagna ( Forlì, Cesena, Rimini, Ravenna) rispettivamente Maria Giorgini, Silla Bucci, Isabella Pavolucci, Marinella Melandri, insieme a Paride Amanti Segr.Cgil Emilia Romagna, parteciperanno alla 19ma edizione di ping – pong, dal titolo “ Romagna Futuro”. saranno affrontati i principali temi sindacali, economici, sociali e politici del paese, della regione e soprattutto, del territorio romagnolo.

Con il contributo dell’assessore regionale Vincenzo Colla si affronteranno i temi relativi al pnrr e allo sviluppo regionale; con il direttore generale dell’ausl romagna Tiziano Carradori si affronterà l’andamento della campagna vaccinale e il futuro della sanità in romagna. saranno collegati con lo studio anche la Segr. Cgil nazionale Tania Scacchetti con la quale si affronteranno temi legati al mercato del lavoro e alle disuguaglianze di genere, infine con il responsabile nazionale salute e sicurezza CGIL, Sebastiano Calleri , si affronteranno le proposte della CGIL per “fermare le stragi nei luoghi di lavoro” .

MESSE IN ONDA :

GIOV. 27/05

21.00

ROMAGNA FUTURO

CH.14

VEN.28/05

21.15

ROMAGNA FUTURO

CH.11

SAB.29/05

14.00

ROMAGNA FUTURO

CH.74

SAB.29/05

23.15

ROMAGNA FUTURO

CH.14

DOM.30 /05

15.15

ROMAGNA FUTURO

CH.11

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.