Pensioni: a novembre nuovo conguaglio dello 0,2%.

Da Incaer.it

Contro l’inflazione, e’ stata introdotta una NUOVA MISURA A SOSTEGNO DEL POTERE D’ACQUISTO DEI PENSIONATI.

L’INPS, con circolare n. 120 del 25 ottobre 2022, comunica che sulla rata di pensione del mese di Novembre sarà anticipato il conguaglio della perequazione automatica per l’anno 2022 senza attendere gennaio 2023.

L’aumento sarà dello 0,20%: l’Inps in via provvisoria aveva riconosciuto un valore pari all’ 1,70%, portato poi in via definitiva all’1,90% dall’Istat.

Il conguaglio sarà riconosciuto a tutti, a prescindere dall’importo della pensione.Ne usufruiranno quindi anche i titolari di pensioni di importo superiore a 2.692€ lordi al mese, che non hanno beneficiato della rivalutazione straordinaria del 2% dal 1° ottobre 2022.

Ricordiamo infatti che, a partire dalla suddetta data, e’ stato corrisposto un primo anticipo della rivalutazione delle pensioni in misura pari al 2% ai titolari di pensioni di importo inferiore a 2.692€ lordi al mese (ai valori di settembre 2022). Questi soggetti beneficeranno quindi di entrambe le rivalutazioni.

3 Novembre 2022

guarda anche...

Pensioni per lavori usuranti: entro il 1° maggio domanda di riconoscimento.

I lavoratori addetti ad attività usuranti, che perfezionano i requisiti nel 2023, hanno tempo fino al primo di maggio per presentare la domanda di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti, propedeutica a quella della  vera e propria domanda di pensione anticipata. L'Inps, con il messaggio n. 1201 del 16 marzo 2022, fornisce le istruzioni precisando che sono interessati quei soggetti che perfezionano i prescritti requisiti nell’anno 2023.