Mobilitazione del comparto delle agenzie di assicurazione

Il 23 giugno manifesteremo a Trento, perché lì risiede ed opera il presidente del Sindacato Nazionale Agenti di assicurazione, associazione datoriale che ha sottoscritto un contratto di lavoro con la compiacenza dei sindacati Fesica e Fisals, che non possiedono alcuna rappresentanza nel settore assicurativo. La manifestazione nazionale indetta dalle organizzazioni di categoria del settore assicurativo, Fisac/Cgil, First/Cisl, Uilca, Fna, intende sostenere la vertenza per l’applicazione, a tutti i dipendenti delle agenzie di assicurazione, del CCNL di riferimento, sottoscritto il 20/11/2014 dalle OO.SS. dei lavoratori maggiormente rappresentative della categoria, così come indicato anche dalla nota specifica del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

La giornata di mobilitazione e di protesta vuole dare voce a tantissime lavoratrici e lavoratori dipendenti delle agenzie di assicurazione che sono costretti, per non rischiare il licenziamento, a subire la sottrazione di circa 7.000 euro di arretrati che coprono sei anni di vuoto contrattuale voluto da Sna, il quale nel proprio accordo stabilisce, fino al 2017, tabelle economiche inferiori al dovuto, perché non tengono conto dell’aumento del costo della vita registrato a partire dal 2009.

Il 23 giugno sarà una tappa fondamentale per riaffermare il diritto di tutti i dipendenti delle agenzie ad avere un contratto collettivo di lavoro che possa e sappia tutelarli.

Le iniziative sindacali, tuttora in corso anche sul piano legale, continueranno fino a quando non sarà totalmente sconfitto il disegno dello Sna e di Fesica – Fisals, diretto a danneggiare irreparabilmente i diritti del personale che in tutti questi anni ha operato con professionalità e dedizione nelle agenzie, accrescendo l’importanza del sistema distributivo agenziale e fornendo un servizio altamente qualificato a milioni di assicurati italiani.

 

Roma, 11 giugno 2015

Le Segreterie Nazionali First/CISL Fisac/CGIL FNA UILCA 

 

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.