Liberate Patrick Zaki! La CGIL invita a sottoscrivere l’appello di Amnesty International.

La CGIL di Forlì chiede  l’immediata liberazione di Patrick George Zaki e invita a sottoscrivere l’appello di Amnesty International.

Zaki, studente universitario a Bologna, è stato arrestato l’8 febbraio scorso al suo rientro in Egitto per un periodo di vacanza.

A Zaki sarebbero state contestate le sue attività a favore dei diritti umani trasformandole in false denunce di “incitamento a protestare per minare l’autorità dello Stato”  e sembra che durante gli interrogatori sia  stato sottoposto a percosse e a torture.

L’arresto arbitrario e la tortura di Patrick Zaki rappresentano un altro esempio della sistematica repressione dello stato egiziano nei confronti di coloro che sono considerati oppositori e difensori dei diritti umani, una repressione che raggiunge livelli sempre più allarmanti giorno dopo giorno. 

Chiediamo alle autorità egiziane il rilascio immediato e incondizionato di Patrick, in stato di fermo esclusivamente per il suo lavoro sui diritti umani e per le idee espresse sui social. È necessario che le autorità conducano un’indagine indipendente sulle torture che ha subito e che sia garantita la sua protezione in maniera tempestiva.

Si chiede che gli interessi economici  e politici esistenti tra Italia ed Egitto  non precludano una legittima richiesta di rispetto dei Diritti Umani Universali.

Per queste ragioni invitiamo  a sottoscrivere l’appello di Amnesty International per il rispetto dei diritti umani universali  e per la liberazione di Patrick.

Si inviata inoltre alla partecipazione del sit-in “Libertà per Patrick Zaki” che si svolgerà domenica 16 Febbraio alle ore 11 in Piazza Saffi Forlì.

Non lasciamo solo PATRICK !!

Segr. Gen. CGIL Forlì

Giorgini Maria

 

 

Forlì, 15/02/20

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.