La CGIL sulle domeniche: no alle liberalizzazioni

paride-amanti

LA CGIL SULLE DOMENICHE:  

NO ALLE LIBERALIZZAZIONI, SI AD UNA LEGGE CHE RISTABILISCA IL RUOLO DELLA CONTRATTAZIONE

Le speculazioni sul lavoro domenicale e festivo che in lungo e in largo attraversano il paese in questi giorni, come anche i titoli strumentali letti sulla stampa di oggi, meritano un chiarimento e un approfondimento.

La CGIL dice da sempre SI alla contrattazione e No alla disponibilità H24 dei lavoratori all’impresa. Sono innumerevoli le imprese dove i lavoratori a fronte di un progetto industriale contrattano turni disagiati; nel commercio il problema sono le regole di base che spazzano via ogni contrattazione.

Il Decreto Monti infatti ha tolto al sindacato la possibilità di negoziare in materia di aperture domenicali determinando nei fatti una vera e propria giungla a discapito di migliaia di lavoratrici e lavoratori costretti a turni assurdi senza più poter avere una domenica libera.

Le liberalizzazioni hanno fallito. Ne è una prova il fatto che il commercio ha subito una crisi nella crisi e nessuno sta facendo nulla di concreto per cambiare radicalmente questa situazione. Per questo chiediamo che una legge ristabilisca ruolo alla contrattazione territoriale così che Istituzioni e parti sociali possano negoziare su questo tema verificando le vere esigenze del territorio e delle imprese e ristabilendo regole e dignità ai lavoratori.

Ai lavoratori del commercio dico di non arrendersi: la CGIL e la Filcams sono da sempre con loro e non mollano. Chiediamo che la politica proceda nel percorso parlamentare, le aspettative sono tante e le proposte di legge che prevedono solo 6 chiusure festive sono chiaramente insufficienti, serve ben altro.

Noi chiediamo alle istituzioni locali di proseguire nel percorso di sensibilizzazione congiunto verso il governo e il parlamento per arrivare ad una legge che ridia valore alla contrattazione,ruolo alle parti sociali valorizzando lavoro di qualità, regole di competizione e consumo sostenibile.

Forlì, 31/08/2015 Paride Amanti

Segr.Gen. CGIL Forlì

guarda anche...

2022 Contratto integrativo Ditta Alpi Modigliana

Rinnovo contratto integrativo ALPI S.p.A.

Forlì, 21 Giugno 2022. Si sono svolte le assemblee di consultazione per l'approvazione del contratto integrativo della Ditta Alpi.La quasi totalità dei lavoratori e delle lavoratrici che hanno partecipato alle assemblee hanno espresso il voto favorevole alla firma dell’accordo che, riconosce miglioramenti economici e normativi a tutti i dipendenti ALPI S.p.A.