Come volevasi dimostrare!!!

Il Comune di Forlì è costretto a rivedere le scelte fatte sul bilancio 2015 in merito all’aumento dell’addizionale Irpef, in conseguenza dei formali rilievi mossi dal Ministero delle Economie e delle Finanze che sottolinea la necessità di un’applicazione dell’Irpef articolata su diversi scaglioni.

E’ la stessa richiesta fatta a suo tempo da CGIL CISL UIL ma, ahinoi, non tenuta in alcun conto, così come non fu accettata la richiesta di spostare in avanti l’approvazione del bilancio 2015, in attesa di avere tutti gli elementi normativi per una più completa valutazione.
CGIL CISL UIL si augurano che le “scelte riparatorie” del Comune di Forlì, colgano l’occasione per inserire quei concetti di equità a suo tempo richiesti, non cedendo a tentazioni minimaliste che risulterebbero più una presa in giro che una soluzione.
Si sottolinea infine come sarebbe tempo che a fronte degli indirizzi e delle forzature compiute, in sede di Bilancio preventivo, chi riveste la competenza politica valutasse, casomai, di assumersi pubblicamente le proprie responsabilità.
CGIL CISL UIL
Territorio di Forlì

Forlì, 22 maggio 2015

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.