Giovedì 9 marzo ore 20,30 “Sala Lama”: incontro con le Associazioni e singoli cittadini interessati a condividere la campagna referendaria “Libera il lavoro con 2 SI tutta un’altra Italia”

Giovedì 9 marzo ore 20,30 – “Sala Lama”, incontro con tutte le Associazioni e singoli cittadini interessati a condividere la campagna referendaria

“Libera il lavoro con 2 SI  tutta un’altra Italia”

Prosegue la Campagna Referendaria “ Libera il lavoro- con 2 si- tutta un’altra Italia”, che segue la raccolta di firme sulla Carta dei Diritti Universali e dei referendum a sostegno, per i quali sono state raccolte, nel territorio Forlivese, 13500 firme per ogni quesito e per la proposta di legge pari a 54000 complessive.

Dopo avere incontrato i Parlamentari e i Consiglieri Regionali del nostro territorio, il Movimento 5 Stelle, il Movimento Democratici e Progressisti, si è calendarizzato l’incontro con il PD e Sinistra Italiana, altre forze politiche hanno dimostrato disponibilità al confronto.

Portare la discussione sul lavoro e sulla sua dignità a tutto il Paese, permettere alla partecipazione democratica di indicare una strada alternativa per uscire dalla crisi, è sicuramente ciò di cui abbiamo bisogno.

Per questo mentre chiediamo al Governo di definire nei tempi più stretti la data del voto, ci impegniamo per favorire la massima partecipazione consapevole e per far vincere i SI ai referendum per il lavoro.

A tal proposito come da comunicazione in allegato, è organizzato un incontro giovedì 9 marzo alle ore 20,30 presso la sede CGIL di Forlì “Sala Lama”, rivolto a tutte le Associazioni, e ai singoli cittadini interessati a condividere la campagna referendaria “Libera il lavoro con 2 SI tutta un’altra Italia”

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.