Esenzione irpef per gli anticipi naspi di lavoratori soci di una cooperativa

 

da incaer.it

I beneficiari della NASpI, che chiedono l’anticipazione in un’unica soluzione dell’indennità di disoccupazione per diventare soci di una cooperativa di lavoro, non dovranno pagare l’Irpef sulla somma che verrà loro corrisposta dall’Inps. 

In attuazione della norma, definita dalla legge di bilancio 2020, l’Istituto previdenziale pubblico, con la circolare n. 178 del 26 novembre, fornisce le indicazioni necessarie precisando che al momento della domanda, il richiedente dovrà esibire la seguente documentazione: 

  • attestazione di avvenuta iscrizione della cooperativa nel Registro Imprese e nell’Albo cooperative, con tutti gli estremi per la verifica;
  • elenco soci e dichiarazione del presidente della cooperativa che attesti l’avvenuta iscrizione e l’attività assegnata;
  • dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (articolo 47 del Dpr n. 445/2000), in cui si dichiara di destinare l’intero importo NASpI alla cooperativa, entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno di imposta in cui è stata percepita la prestazione.

Tale documentazione è stata indicata con provvedimento dello scorso 17 giugno 2021 da parte dell’Agenzia delle Entrate, nel documento di prassi che ha stabilito i criteri per fruire dell’esenzione IRPEF sulla NASpI anticipata (articolo 1, comma 12 della Legge di Bilancio 2020) ed ha indicato le modalità di comunicazione del beneficio.

La Nuova prestazione di assicurazione sociale per l’impiego, infatti, può essere ricevuta subito per intero, in un’unica soluzione, da destinare al capitale sociale di una cooperativa in cui si preveda una prestazione di attività lavorativa da parte del socio. Il lavoratore, per ottenere l’esenzione IRPEF, deve dunque presentare all’INPS la domanda di anticipazione NASpI in via telematica entro 30 giorni dalla data di sottoscrizione di una quota di capitale sociale della cooperativa (o di inizio di un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale), con documenti sopra indicati. Diversamente, sarà applicata l’imposta IRPEF sulla somma erogata a titolo di NASpI anticipata.

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.