Centro Pace Forlì: quando la guerra parla, la pace tace Ci vediamo martedì 22 febbraio alle 18:00 presso la Cgil di Forlì. Diretta Facebook

Non si può invocare la pace in guerra, non si può chiedere la pace senza avere fatto nulla
per costruirla. La pace si può e si deve costruire prima di una guerra.
Da molti anni in Parlamento si susseguono proposte di legge di iniziativa popolare per
istituire e finanziare un Dipartimento per la Difesa Civile, non armata e nonviolenta;
dal 1994 al Parlamento Europeo c’è una proposta di realizzazione dei Corpi Civili di Pace
Europei e cosa si è ottenuto: che il servizio civile universale viene finanziato con 300
milioni di euro mentre il bilancio della difesa sfiora nel 2022 i 26 miliardi di euro e il Ministro
della Difesa chiede ed ottiene più di 8 miliardi per l’acquisto di nuovi armamenti.
Ancora oggi non abbiamo il Dipartimento per la Difesa Civile e Nonviolenta, né i Corpi
Civili di Pace Europei e non vediamo la volontà di andare nei fatti in questa direzione. Se
si vuole la pace bisogna investire per la pace.
Chiediamo quindi di evitare di porre l’insulsa domanda: “Dove sono i pacifisti?”, ma di
riflettere ed impegnarsi oggi per domani a costruire, finanziare, sostenere le alternative
possibili alla violenza e alle armi per la risoluzione dei conflitti.
Per queste ragioni come Centro per la Pace di Forlì di Forlì nuovamente esprimiamo
profonda preoccupazione per la crescente tensione ai confini dell’Ucraina condannando,
come abbiamo sempre fatto e continueremo a fare, ogni iniziativa che possa minare la
pace ribadendo la nostra contrarietà a qualsiasi guerra e conflitto. Oggi, dopo aver accolto
Putin come un grande statista senza aver sostenuto coloro che in modo democratico e
nonviolento gli si opponevano, ci ritroviamo con il rischio di una guerra alle porte
dell’Europa, non avendo neanche mai intrapreso una via di dialogo per una convivenza
pacifica con la Russia e mediato per una soluzione fra Mosca e i Paesi dell’Est.
L’incapacità oggi della UE e delle Nazioni Unite di svolgere il ruolo di mediatore affidabile
e autorevole, è un segnale preoccupante. Occorre un intervento deciso delle istituzioni
europee affinché si definisca un quadro negoziale che consenta di giungere a un’intesa,
applicando gli accordi di Minsk nel rispetto degli accordi di Helsinki e ribadendo il principio
dell’inviolabilità delle frontiere.
Pace significa inoltre impegnarsi a diminuire le enormi disuguaglianze economiche e
sociali che questo neoliberismo senza freni ha portato nel mondo riducendo le opportunità
offerte dalla globalizzazione ad un vantaggio per pochi ricchi, che è diventato ora più
evidente e stridente con la pandemia. Solo dalla riduzione delle disuguaglianze, dal vero
rispetto dell’ambiente e dalla nonviolenza realizzata praticamente, possiamo avere
alternative possibili. I ricchi che in questi giorni scappano nei loro aerei privati dall’Ucraina
sono l’icona rappresentativa di quell’umanità egoista che pensa di salvarsi singolarmente,
mente tutto il resto rischia di bruciare
Per queste ragioni troviamoci per un momento di riflessione su come si costruisce
concretamente la Pace, martedì 22 febbraio 2022 alle ore 18:00 presso Sala L.Lama
CGIL Forlì Via Pelacano, 7.
Centro Per Pace di Forlì
Forlì, 17/02/2022

guarda anche...

Assemblea territoriale CGIL Forlì

10 Giugno 2022: Assemblea Territoriale Delegati/e e Attivisti/e CGIL

«Le disuguaglianze sono il risultato di trent’anni di politiche di neoliberismo-come ha ricordato la Segretaria Generale Maria Giorgini, che ha aggiunto-vi è l’urgenza di una riforma complessiva del mercato del lavoro, per ridurre la precarietà, e di una riforma fiscale». In Italia vi sono persone che pur lavorando guadagnano meno di 10.000 euro l’anno, su questa situazione la Segretaria Generale CGIL Forlì ha sottolineando l’importanza della contrattazione collettiva, nazionale e territoriale, la necessità di eliminare i contratti pirata e di ridurre le tipologie di contratto applicabili, tutto al fine di continuare la lotta al precariato.