BONUS BEBE’ RICONOSCIUTO ANCHE CON PERMESSO DI SOGGIORNO ANNUALE

Il tribunale di Parma, accogliendo le ragioni di un ricorso patrocinato dall’Avvocato Federica Cerri, consulente legale di Inca Cgil Parma, ha riconosciuto ad un’assistita extracomunitaria in possesso di permesso soggiorno di durata annuale il diritto a percepire l’assegno di natalità (c.d. Bonus bebè).

La signora, cittadina di origine nigeriana, dopo aver presentato nel 2019 domanda all’INPS  per ottenere l’assegno di natalità in seguito alla nascita di due figli, rispettivamente nell’anno 2017 e nell’anno 2018, ebbe riscontro negativo da parte dell’Istituto.

La motivazione fu la mancanza di valido titolo di soggiorno, in quanto la ricorrente al momento della domanda possedeva un permesso di soggiorno per lavoro subordinato con durata complessiva di 12 mesi, titolo non rientrante tra i permessi validi ai sensi delle norme in tema di assegno di natalità.  Infatti, qualora il richiedente sia un genitore cittadino extracomunitario, la normativa di riferimento prevede come requisito soggettivo, la titolarità di un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (o lo status di rifugiato).

Sulla base della citata normativa, il cittadino comunitario può beneficiare dell’assegno di natalità indipendentemente dalla durata del suo soggiorno nello stato italiano, mentre all’extra-comunitario è richiesto, necessariamente, il possesso dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria e il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo: e’ evidenziata quindi un’evidente ed insanabile disparità di trattamento e la Corte Costituzionale dichiara l’illegittimità costituzionale di questa normativa.

Queste misure in ogni caso devono infatti assolvere una finalità preminente di tutela del minore, che si affianca alla tutela della madre, in armonia con il disegno costituzionale che colloca in un orizzonte comune di speciale adeguata protezione, sia la madre, sia il bambino.

Pertanto, il Giudice del tribunale di Parma designato per la trattazione, considerando quanto dichiarato dalla Corte Costituzionale, si e’ espresso positivamente, accogliendo il ricorso presentato, essendo pacifico che la ricorrente al momento della domanda avesse diritto alla percezione dell’assegno di natalità, per ciascuno dei figli, in quanto in possesso di tutti i requisiti per beneficiare della misura richiesta.

6 febbraio 2024
 

guarda anche...

Assegno Unico Universale Figli minori: alcuni chiarimenti da INPS.

Da Incaer.it La maggiorazione di 30 euro dell’assegno Unico Universale per i figli minori spetta …