A proposito di pensioni

Venerdì 29 luglio scorso si è svolto l’ultimo (in ordine di tempo) incontro con il Governo sul tema “pensioni”.

Il governo, rappresentato dal Ministro del Lavoro Giuliano Poletti e dal sottosegretario Tommaso Nannicini, ha confermato l’intenzione di procedere con una serie di misure sulla previdenza nella prossima legge di stabilità.

Misure che riguardano sia i pensionandi che i pensionati.

Nello specifico per i pensionandi si sta lavorando su una serie di misure sui lavori usuranti, sull’anticipo pensionistico, sui precoci e sulle ricongiunzioni onerose.

Per i pensionati le misure riguardano invece la rivalutazione delle pensioni, l’allargamento della platea dei beneficiari della quattordicesima e il completamento della no tax area.

Alla richiesta dei sindacati di quantificare le risorse disponibili per tutti questi interventi il Ministro del Lavoro ha risposto testualmente che “è intenzione del governo quella di destinare una dotazione finanziaria rilevante”.

La cifra non è quindi ancora stata definita ma registriamo comunque l’impegno (verbale) del governo a sostenere economicamente tutte queste misure.

Così come registriamo la disponibilità a non limitare la discussione sui temi della previdenza alla prossima legge di stabilità ma di proseguire anche dopo nel confronto con le organizzazioni sindacali.

Il tavolo si è chiuso con la convocazione di un altro incontro tecnico per il prossimo 7 settembre e di uno a livello politico per il 12 settembre.

L’esito del tavolo del 29 luglio rappresenta per noi un passo in avanti, che verificheremo a settembre e di cui terremo ovviamente informati.

Cogliamo anche l’occasione per ribadire come tutti coloro che hanno subito il blocco della rivalutazione delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, hanno tempo entro il 31/12/2016 per bloccare la decorrenza dei termini ed evitare la prescrizione.

Per fare ciò è sufficiente contattare lo Spi Cgil (tel. 0543/453720 sig.ra Barbara)

Si rammenta inoltre a chi non avesse ancora ricevuto la tessera Spi 2016 che la si può ritirare presso le sedi Cgil di Forlì e delle zone, cogliendo anche l’occasione per più specifiche informazioni sulla previdenza e sull’andamento delle “cause pilota” messe in atto sul blocco delle rivalutazioni.

Per Spi Cgil Forlì

Beppe Pasotti

Forlì, 4 agosto 2016

guarda anche...

Pensioni per lavori usuranti: entro il 1° maggio domanda di riconoscimento.

I lavoratori addetti ad attività usuranti, che perfezionano i requisiti nel 2023, hanno tempo fino al primo di maggio per presentare la domanda di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti, propedeutica a quella della  vera e propria domanda di pensione anticipata. L'Inps, con il messaggio n. 1201 del 16 marzo 2022, fornisce le istruzioni precisando che sono interessati quei soggetti che perfezionano i prescritti requisiti nell’anno 2023.