Home / News / Piazza Saffi vietata alle manifestazioni che si richiamano al fascismo

Piazza Saffi vietata alle manifestazioni che si richiamano al fascismo

Apprendiamo dai giornali della decisione da parte della Giunta Comunale di Forlì, di non concedere piazza Saffi a chi professa idee non in sintonia con i principi Costituzionali, insomma si vieta la Piazza principale a formazioni che si richiamano a vecchi e nuovi fascismi.

CGIL CISL UIL sottolineano l’importanza della scelta della Giunta Comunale come prima risposta all’appello con cui i tre Sindacati Confederali e tante altre Associazioni e partiti politici avevano indetto la manifestazione “NO AL FASCISMO” dell’ 11 dicembre, in risposta ai fatti di Piazza della Misura dell’ 8 dicembre scorso.

CGIL CISL UIL si augurano che questo impegno sia esteso a tutti i Comuni della Provincia, come peraltro già fatto da Cesena e Santa Sofia.

Inoltre le Organizzazioni Sindacali sono consapevoli che il fascismo si combatte affermando principi e valori della nostra Costituzione, certi che l’antifascismo deve essere coniugato con la giustizia sociale.

Sta continuando la raccolta di firme “MAI PIU’ FASCISMI” e che anche in occasione della ricorrenza del 1° maggio sarà possibile firmare l’appello.

Forlì, 19.04.2018

Per CGIL CISL UIL Forlì

P. Amanti – V. Treossi – L. Foschi

 l’appello con cui fu indetto la manifestazione dell’11.12.17

guarda anche...

Mancano pochi giorni al via della 7° edizione di Facciamo Quadrato evento della CGIL di Forlì

clicca qui e accedi al sito dedicato “Facciamo Quadrato”, che si svolgerà da sabato 25 …