Giuliani Infissi: positivo l’incontro con AZA ma ancora molta incertezza per il futuro

Nella giornata odierna, le Organizzazioni Sindacali Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil hanno incontrato i vertici della Coop. Giuliani alla presenza del nuovo Prefetto della Provincia di Forlì – Cesena, Dott. Antonio Corona, per discutere della difficile situazione in cui versa l’azienda, storica realtà forlivese leader in Italia nella produzione di serramenti, finestre e facciate continue che rischia il fallimento.

Presenti all’incontro, richiesto con carattere di urgenza dai rappresentanti dei lavoratori e tempestivamente convocato dalla Prefettura, anche la Lega delle Cooperative, il Vicesindaco Lubiano Montaguti e Ettore Zambonini, amministratore delegato dell’azienda piacentina AZA Aghito Zambonini, unica realtà ad avere finora mostrato interesse all’acquisizione e al rilancio industriale della Giuliani.

I timori che AZA volesse portare avanti un’operazione meramente speculativa, mirata ad acquisire solo la parte di progettazione e sviluppo della Giuliani escludendo tutta l’area produttiva, sono stati smentiti dallo stesso Zambonini, che ha ribadito la volontà di sviluppare un progetto industriale di lungo periodo, mantenendo a Forlì entrambi i comparti.

Purtroppo però ad oggi questa dichiarazione resta solo su un piano ipotetico e di volontà, non supportata da alcuna garanzia di tenuta occupazionale per tutti i dipendenti della Giuliani, circa 85 dipendenti di cui 50 operai e 35 impiegati.

A fronte di una grande incertezza sul medio-lungo periodo, sono state riscontrate delle positività e degli avanzamenti nella gestione di breve periodo della cooperativa. E’ stato infatti presentata al Tribunale una proposta di “affitto ponte” di ramo d’azienda, della durata di due mesi, che garantirebbe ad una parte di lavoratori della Giuliani la possibilità di tornare a lavorare e a percepire retribuzione, seppur in maniera parziale.

Tale proposta, secondo quanto dichiarato da AZA, costituirebbe un primo passaggio per la realizzazione di piano complessivo di rilancio della Giuliani. La risposta del giudice è attesa nella giornata di domani. Al termine dei due mesi di contratto ponte, il Tribunale dovrà promuovere un’asta competitiva al fine di definire le sorti della cooperativa e dei suoi lavoratori.

Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil auspicano una risposta positiva, che consenta di proseguire le trattative con AZA per definire l’ingresso in Giuliani di un numero di commesse sufficienti a garantire il futuro di questa storica azienda forlivese. Questa è inoltra una delle condizioni necessarie per un’eventuale proroga degli ammortizzatori sociali ora in essere.

La Prefettura ha dato disponibilità a riconvocare tutte le parti interessate non appena interverranno elementi di novità e, ad ogni modo, a seguito della decisione del Tribunale di Forlì.

Forlì, 13 febbraio 2019

FIM – FIOM- UILM

Territorio di Forlì

Riccardo Zoli, Giovanni Cotugno, Valerio Garattoni

guarda anche...

Facciamo Quadrato, la festa della CGIL arriva all’8° edizione dal 31 Agosto al 4 Settembre 2019

San Lorenzo in Noceto – Forlì – Circolo ARCI il programma completo