Decreto Rilancio, si gettano le basi per la costruzione di un sistema sociale di tutele destinate anche ad autonomi e collaboratori

Decreto Rilancio, si gettano le basi per  la costruzione di un sistema sociale di tutele  destinate anche ad autonomi e collaboratori

Il Decreto Rilancio, che si è fatto a lungo attendere, ha riconfermato per il mese di aprile le indennità di 600€ già previste dal DL 18 dello scorso marzo destinate a lavoratori con P. Iva, co. co. co. e collaboratori sportivi.

Per il mese di maggio l’indennità sarà innalzata a 1000€, tuttavia viene ristretta la platea degli aventi diritto, infatti l’erogazione sarà vincolata per i titolari di P. Iva alla riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019; per i collaboratori coordinati l’indennità sarà erogata solo caso di cessazione del contratto alla data di entrata in vigore del decreto, quest’ultima previsione, purtroppo, non tenendo conto di tutti quei collaboratori con contratti sospesi che da mesi non percepiscono un’entrata, determinerà delle ineguaglianze lasciando molti di questi senza reddito e senza la possibilità di chiedere la DIS-COLL.

Risultano invece nuovamente esclusi da un sostegno al reddito i collaboratori occasionali. il Reddito di Ultima Istanza a loro destinato, infatti, prevede che possano accedere all’indennità dei 600€ (per i mesi di marzo, aprile e maggio) solo gli autonomi occasionali iscritti alla Gestione Separata INPS. In tutto il territorio nazionale potranno accedere a questa prestazione un numero esiguo di lavoratori (sono solo circa 5000 mila in Italia gli autonomi occasionali iscritti alla Gestione Separata), chiederemo pertanto che in sede di conversione del Decreto in legge venga tolto questo requisito.

Nonostante qualche criticità ravvisata il giudizio sul Decreto Rilancio è sostanzialmente positivo. Per la prima volta vengono riconosciuti dei diritti a quelle persone che lavorano e contribuiscono alla produzione ma che fino a poco tempo fa erano dimenticate dalle politiche pubbliche.

Il numero e la complessità delle indennità predisposte dai due decreti di fatto fotografano la situazione del mercato del lavoro nel nostro Paese, vi sono troppe tipologie contrattuali, caratterizzate da forte precarietà, e troppi lavoratori fuori da un sistema sociale di tutele. E’ chiaro che questo sistema indennitario non  può essere la soluzione strutturale alle ineguaglianze del mercato del lavoro in Italia ma possiamo affermare che, grazie alle richieste avanzate dalle Organizzazioni Sindacali ed alle pressioni esercitate sul Governo, si gettano finalmente le basi per l’estensione di diritti e tutele anche a chi ne è sempre stato sprovvisto.

 

guarda anche...

Reddito di emergenza: durata, condizioni, prenotazioni.

PRENDI UN APPUNTAMENTO PRESSO LE NOSTRE SEDI Dove siamo: – CLICCA QUI – OPPURE CHIAMA …