Brescia anno 41

Ci sono voluti 41 anni, ma finalmente giustizia (sembra) fatta. Carlo Maria Maggi, dirigente di Ordine Nuovo e Maurizio Tramonte, “fonte” dei servizi segreti, sono stati condannati all’ergastolo per la strage di Piazza della Loggia a Brescia: 31 maggio 1974.

Quarantuno anni di indagini, depistaggi, processi, sentenze contrapposte che oggi trovano un punto di arrivo, speriamo definitivo.

“Passaparola” è vicino ai familiari delle vittime, a chi ne fu protagonista inconsapevole, a tutti quelli che si sono battuti per ottenere giustizia, anno dopo anno, senza cedere, senza rinunciare.

Si chiude una pagina tra le più drammatiche della storia della Repubblica, costruita dalle convergenze dell’eversione fascista con pezzi significativi di servizi segreti deviati, con la connivenza di strutture dello Stato.

La sentenza rende giustizia tardiva e apre a qualche speranza in più che possano essere accertate tutte le responsabilità della strategia delle bombe, episodio per episodio, strage per strage…una ferita che solo la verità potrà lenire.

Passaparola SPI

guarda anche...

“Il lavoro per il clima” CGIL CISL UIL aderiscono alla prima giornata mondiale sindacale per il clima

“IL LAVORO PER IL CLIMA!” – CGIL, CISL, UIL DELL’EMILIA ROMAGNA ADERISCONO ALLA PRIMA GIORNATA …