Ammortizzatori in deroga: da 8 mesi migliaia di lavoratori e lavoratrici sono senza reddito

E’ inaccettabile e socialmente insostenibile, che migliaia di lavoratrici e lavoratori della nostra regione, come nel resto del paese, siano sospesi dal lavoro senza percepire alcun reddito, pur avendo maturato il diritto a percepire la cassa integrazione.

Questo è causato dal fatto che il governo non ha emanato i decreti per la copertura finanziaria degli ammortizzatori in deroga per l’ultimo periodo del 2014 (Settembre-Dicembre) e per l’inizio del 2015.

I lavoratori e le lavoratrici sono in cassa integrazione perché la crisi non è ancora finita, e centinaia di aziende della nostra regione stanno ancora ricorrendo alla deroga avendo esaurito gli ammortizzatori ordinari.

Dal canto suo il governo peraltro recidivo, ritarda l’assegnazione concreta dei fondi già stanziati in bilancio, lasciando in gravissime difficoltà i lavoratori e le loro famiglie.

E’ una situazione incresciosa e grave, alla quale il governo deve porre immediato rimedio distribuendo le indispensabili risorse per la cassa integrazione in deroga.

In caso contrario saremo costretti ad agire di conseguenza.

CGIL CISL UIL Emilia Romagna

Bologna, 6 maggio 2015

guarda anche...

Bando contributi economici per la locazione anno 2019 Comune di Forlì

A seguito dell’accordo tra Regione Emilia Romagna, CGIL-CISL-UIL e associazioni degli inquilini del luglio 2019, …