28 Maggio: Sciopero lavoratori grande distribuzione aderenti a Federdistribuzione

La giornata di mobilitazione del 6 Maggio 2016 ha registrato un’ampia partecipazione delle lavoratrici e dei lavorati nella Piazza Maggiore di Bologna. E’ necessario proseguire nella lotta per dare un forte segnale a Federdistribuzione, per questo motivo Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL a fronte del permanere della situazione di stallo del tavolo negoziale per il rinnovo del CCNL per le aziende aderenti  a Federdistribuzione, proclamano nella giornata del 28 Maggio 2016, sciopero nazionale per l’intera giornata  di lavoro.

Le ragioni della rottura delle trattative sono da ricondurre alle condizioni inderogabili e non negoziabili poste da Federdistribuzione per la sigla del contratto, vale a dire:

  • La destrutturazione del sistema di inquadramenti utilizzando la leva del jobs act;
  • L’imposizione di norme destinate a consentire alle aziende di derogare a tutte le norme del futuro contratto anche in assenza di accordo tra le parti a livello aziendale;
  • La definizione di aumenti salariali che determinerebbe al 31.12.2018 una massa salariale di 1.831 euro al 4 ° livello a fronte dei 3.000 euro previsti alla stessa data e al medesimo livello d’inquadramento dal contratto applicato ai dipendenti delle altre aziende del commercio, ossia alla stragrande maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori del

Porre a 28 mesi dall’inizio dei negoziati tali condizioni inderogabili e non negoziabili dimostra che l’asserita volontà di Federdistribuzione di realizzare un’intesa è priva di fondamento. Federdistribuzione vorrebbe imporre un diktat inaccettabile attraverso cui realizzare un evidente vantaggio competitivo a danno dei propri dipendenti.

In aggiunta a ciò è emersa palese la volontà di Federdistribuzione di modificare in peggio le norme contrattuali sul mercato del lavoro, l’orario di lavoro e la bilateralità, con particolare riferimento ai sistemi di welfare (assistenza e previdenza integrative), determinando un danno aggiuntivo per i dipendenti delle imprese ad essa  associate.

IL 28 MAGGIO 2016 SI SCIOPERA PER IL DIRITTO AD OTTENERE:

UN AUMENTO SALARIALE ADEGUATO A SOSTENERE, MIGLIORARE E RENDERE DIGNITOSE  LE  LORO  CONDIZIONI

NORME CHE VALORIZZINO LE PROFESSIONALITA’

GARANZIE PER L’OCCUPAZIONE E TUTELE PER UN LAVORO DIGNITOSO  IN UNA PAROLA: IL RINNOVO DEL CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO!

 

LO SCIOPERO E’ INDETTO PER L’INTERA GIORNATA/TURNO DI LAVORO

guarda anche...

900 FEST: si discute di lavoro, 24 Ottobre – salone comunale – Forlì

  ore 9.30 Salone comunaleLe nuove frontiere del sindacatoSergio Bologna (Storico ed esperto di logistica).Tania Scacchetti (Segreteria …